Il Centro Accoglienza Richiedenti Asilo di Mineo


foto di Davide Anastasi
foto di Davide Anastasi

I Centri Accoglienza Richiedenti Asilo sono strutture, istituite nel 2008, in cui il Richiedente Asilo soggiorna, con la libertà di uscire nelle ore diurne, in attesa di essere identificato e di accedere alla procedura di riconoscimento dello status di rifugiato.

Il Centro di Mineo risponde all'esigenza di accogliere i richiedenti asilo, favorirne l'integrazione nella comunità italiana, garantirne i diritti soggettivi e valorizzarne le diversità culturali fonte di arricchimento anche per chi li ospita.

La cooperazione sociale ha tra i suoi obiettivi primari la creazione di posti di lavoro, la qualità nell'offerta di servizi, il rispetto della dignità della persona.

Il CARA di Mineo è stato istituito nel febbraio 2011 a seguito della dichiarazione dello stato di emergenza umanitaria su tutto il territorio nazionale per far fronte agli arrivi causati dalla cosiddetta Primavera Araba, ed ha agito fino al febbraio 2013 sotto l'egida della Protezione Civile prima di divenire un CARA ordinario sotto la responsabilità del Ministero dell'Interno.


Dopo una gestione emergenziale a cura della C.R.I. il 18 ottobre 2011, a seguito di bando di gara, la gestione viene presa in carico da un' A.T.I. costituita dai seguenti enti: Sisifo scs, Sol.Calatino scs, La Casa della Solidarietà scs, Senis Hospes scs, La Cascina Global Service, tutti provenienti dal mondo della cooperazione sociale, cui nel corso del 2013 si sono aggiunti Croce Rossa Italiana (per l'assistenza medica) e l'impresa Pizzarotti & C SpA.


Nell'ottobre 2014, a seguito di una nuova gara, la gestione viene affidata a un'A.T.I. guidata da La casa della Solidarietà, in continuità con quanto realizzato in precedenza, ma con una serie di migliorie dettate dall'esperienza accumulata negli anni.




Le attività della precedente gestione (ott 2011- sett 2014)

Fai clic sulla foto per sfogliare il depliant (dati aggiornati a maggio 2014)