formazione: dall'informatica all'orto biologico

La formazione è un aspetto molto importante delle attività del Centro Accoglienza di Mineo, in quanto si è sempre dato molto peso al fatto che i richiedenti asilo devono sopportare lunghi tempi di attesa e quindi devono avere la possibilità di iniziare già qui un percorso che li dovrà portare all'integrazione nel lavoro. Di norma il C.A.R.A. infatti non si occupa di formazione e di preparazione e avviamento al lavoro, compito che spetta solitamente alle strutture di seconda accoglienza, cioè alla rete S.P.R.A.R. 

A Mineo invece non solo è stato attivato uno sportello, denominato Job Center, che aiuta i migranti nella redazione di un proprio curriculum vitae, ma si effettuano regolarmente corsi di informatica (ECDL), si avviano gli ospiti ai tirocini formativi, si realizzano attività come l'orto biologico, si propongono alcuni ospiti per la partecipazione a corsi di formazione professionale, e tanto altro ancora nei limiti delle possibilità di una struttura di prima accoglienza che deve soddisfare prima di tutto le esigenze primarie (vitto, alloggio, vestiario, insegnamento dell'italiano e richiesta di asilo) di un largo numero di rifugiati o aspiranti tali.